Advertisement

Modifica saggio di interesse legale:

L’INPS, con la Circolare n. 178 del 22 dicembre 2014, in informato l’utenza che con il Decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze dell’11 dicembre 2014, pubblicato sulla G.U. n. 290 del 15.12.2014 (Allegato n. 1 alla Circolare n. 178/2014), è stato modificato il saggio di interesse legali.

In particolare, si legge sulla Circolare n. 178/2014, a decorrere dal 1° gennaio 2015 è stata fissata allo 0,50% la misura del saggio degli interessi legali di cui all’art. 1284 del codice civile.

Tale incremento porterà delle conseguenze sul calcolo delle somme aggiuntive per omesso o ritardato versamento dei contributi previdenziali ed assistenziali.

Advertisement

Al riguardo, l’art. 116, comma 15, della Legge 23 dicembre 2000, n. 388, ha disciplinato l’ipotesi di riduzione delle sanzioni civili, di cui al comma 8 del medesimo articolo, alla misura prevista per gli interessi legali (Circolare n. 88 del 9 maggio 2002).

L’Istituto ha quindi precisato che tale previsione è subordinata all’integrale pagamento dei contributi dovuti.

In presenza di domanda di pagamento dilazionato, tale condizione si realizza a seguito dell’accoglimento della domanda stessa che, come noto, richiede il rispetto dei requisiti di correntezza e regolarità dei versamenti dovuti.

La misura dello 0,5% di cui al decreto in esame, si applica ai contributi con scadenza di pagamento a partire dal 1° gennaio 2015. Per le esposizioni debitorie pendenti alla predetta data, tenuto conto delle variazioni della misura degli interessi legali intervenute nel tempo, il calcolo degli interessi dovuti verrà effettuato secondo i tassi vigenti alle rispettive decorrenze (Allegato n. 2 alla Circolare n. 178/2014).

Il provvedimento in esame, precisa infine l’INPS, produrrà effetti anche con riferimento alle somme poste in pagamento dall’Istituto a decorrere dal 1° gennaio 2015. In relazione a ciò la misura dell’interesse dello 0,5% si applica alle prestazioni pensionistiche in pagamento dal 1° gennaio 2015.

(Fonte: INPS).

 

Commenti

commenti

Powered by Facebook Comments

Advertisement