Advertisement

Ammortizzatori sociali in deroga:

L’INPS, con il Messaggio n. 3244 del 12 maggio 2015, ha informato gli interessati sugli Ammortizzatori sociali in deroga di cui al D.I. n. 89936 dell’8 maggio 2015.

Il citato Decreto Interministeriale n. 89936/2015 del Ministero del Lavoro di concerto con il Ministero dell’Economia “assegna ulteriori risorse finanziarie alle Regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Marche, Molise, Sardegna, Sicilia, Toscana, Umbria e Veneto per gli ammortizzatori sociali in deroga pari ad € 478.763.551,00 a valere sul Fondo Sociale per l’Occupazione e Formazione, di cui all’art.18, comma 1, lettera a), del decreto-legge 29 novembre 2008, n.185, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2, secondo il piano di riparto tra le Regioni di seguito indicato, al netto di quanto assegnato dal decreto in argomento per la finalità di cui all’art.6, comma 3 del decreto n.83473 del 1 agosto 2014”.

Pertanto, considerato che l’assegnazione delle risorse, avvenuta in un momento distante e successivo rispetto ai periodi di intervento oggetto di tutela, ha comportato per le Regioni la difficoltà di comunicare prontamente all’INPS gli accordi stipulati per la concessione degli ammortizzatori sociali in deroga e di rispettare i termini previsti dai commi 6 e 7, dell’art. 2, del decreto n. 83473, il Ministero con nota n.9179 del 23 aprile 2015, ha esonerato l’Istituto dall’effettuare le verifiche ed i controlli relativi alla compatibilità finanziaria a carattere preventivo previsti dal suddetto decreto sugli accordi stipulati in sede istituzionale, e dalla successiva verifica di coerenza della determinazione Regionale con l’ipotesi di accordo preventivamente stimato, come previsto al comma 12, dell’art. 2 del decreto in argomento.

Advertisement

In considerazione di quanto sopra esposto, l’Istituto effettuerà solamente un monitoraggio della spesa attraverso il SIP (Sistema Informativo dei Percettori), che si sostanzierà in un controllo periodico successivo del rispetto, da parte delle Regioni e Province autonome, delle risorse loro assegnate dai decreti interministeriali di attribuzione dei fondi.

Di conseguenza, le Regioni e le Provincie autonome per trasmettere, tramite il sistema SIP, i suddetti provvedimenti concessori relativi a periodi di competenza 2014, emanati in base ad accordi stipulati sia in data anteriore che posteriore all’entrata in vigore del decreto n.83473, dovranno utilizzare come decreto di finanziamento il numero fittizio di decreto “33334”.

 Le Direzioni Regionali INPS, con il supporto delle apposite schede di rendicontazione della spesa presenti sul SIP, dovranno monitorare le spese al fine di contenere le stesse nell’ambito degli stanziamenti previsti, comunicando tempestivamente a questa Direzione Centrale il raggiungimento del limite delle risorse a disposizione di ciascuna Regione o Provincia autonoma.

Restano ferme, pertanto, le istruzioni operative già impartite alle sedi per il trattamento della Cig in deroga e della mobilità in deroga con il messaggio n.372 del 9 gennaio 2014.

Il Messaggio n. 3244/2015 elenca quindi i codici di intervento che le Sedi dovranno utilizzare per erogare le prestazioni di mobilità in deroga per i periodi di competenza 2014.

Si rimanda per il resto delle informazioni al testo del Messaggio n. 3244/2015 allegato al presente articolo.

(Fonte: INPS)

Commenti

commenti

Powered by Facebook Comments

Advertisement