Advertisement

Autonomi Agricoli gestione deleghe accesso servizi WEB:

L’INPS, con Messaggio n. 682 del 2016 sugli Autonomi Agricoli, ha fornito le istruzioni operative circa le modalità relative alla gestione delle deleghe per l’accesso ai servizi WEB.

Al riguardo si legge quanto segue nel Messaggio n. 682/2016.

Si fa seguito al messaggio n.7381 del 10/12/2015, con il quale è stato comunicato il rilascio in produzione del “Cassetto Previdenziale per Autonomi agricoli”, per fornire le istruzioni operative in merito alle modalità con cui i soggetti abilitati potranno accedere ai servizi Web in qualità di delegati dei lavoratori autonomi iscritti alla gestione autonoma agricola.

Si ricorda che tali lavoratori, in quanto esclusi dall’ambito di applicazione della legge n. 12/1979, art. 1, possono delegare qualsiasi soggetto di propria fiducia ai fini dell’adempimento delle attività inerenti alla gestione degli obblighi contributivi per se stessi o per i propri collaboratori.

Advertisement

Tutti i delegati, comunque, per potere accedere ai servizi on-line dovranno richiedere il codice PIN rilasciato dall’Istituto, che consentirà di operare a seguito di delega rilasciata dal titolare dell’obbligo contributivo. I soggetti che sono già in possesso di un PIN dispositivo potranno operare, direttamente, a seguito di delega rilasciata dal titolare dell’obbligo contributivo.

Le istruzioni operative riguardano, in particolare, i seguenti applicativi:

  1. Delega diretta per i lavoratori autonomi iscritti alla gestione autonoma agricola;
  2. Delega indiretta per i soggetti ex lege n.12/1979 e per i soggetti iscritti agli albi dei periti agrari e agrotecnici;
  3. Delega indiretta per i soggetti che non hanno sottoscritto accordi con l’Istituto e non sono soggetti alla legge n.12/1979;
  4. Delega indiretta per le Associazioni di Categoria

 

  1. Delega diretta per i lavoratori autonomi iscritti alla gestione autonoma agricola

Gli iscritti alla gestione autonoma agricola titolari dell’obbligo contributivo nei confronti dell’Istituto possono delegare, direttamente, un soggetto di fiducia alla gestione della propria posizione contributiva, ivi compresa la gestione di tutti gli adempimenti nei confronti dell’Istituto ad essa relativi.

La procedura di “Gestione Deleghe”, in questo caso definita diretta, si trova all’interno del “Cassetto previdenziale per Autonomi agricoli” ed è raggiungibile dal sito Internet dell’Istituto, nell’elenco dei “Servizi on line”, selezionando successivamente le voci “per tipologia di utente” e “cittadino”. Si rammenta che per l’utilizzo della procedura è necessario autenticarsi mediante codice PIN dispositivo o CNS.

Tramite le funzionalità esposte, il titolare di posizione autonoma agricola può visualizzare tutte le deleghe da lui rilasciate, crearne di nuove o revocarne di già esistenti. Per creare una nuova delega è necessario inserire i dati del delegato, compresi i dati di un documento d’identità e l’eventuale iscrizione ad albi professionali.

La delega debitamente compilata in ogni sua parte sarà, immediatamente, operativa. La delega potrà avere validità illimitata oppure fino alla data specificamente indicata, fatta salva in ogni caso la revoca espressa da parte del delegante.

  1. Delega indiretta per i soggetti ex lege n.12/1979 e per i soggetti iscritti agli albi dei periti agrari e agrotecnici

I professionisti aderenti alle associazioni professionali ed i professionisti iscritti all’albo dei periti agrari e agrotecnici saranno abilitati ad operare nella gestione deleghe con identificazione personale, sulla base dell’interscambio di informazioni tra l’Istituto e gli ordini di riferimento.

Gli intermediari, così autorizzati, potranno operare in nome e per conto del titolare dell’azienda autonoma agricola sulla base di deleghe rese per iscritto dal delegante e comunicate all’Istituto tramite la procedura di seguito descritta.

L’applicazione “Deleghe Indirette per artigiani, commercianti, committenti, associanti, professionisti e autonomi agricoli”, in questo caso definita indiretta, sarà disponibile nel sito internet dell’Istituto, nella sezione “Servizi per aziende, consulenti e professionisti”. Si rammenta che per l’utilizzo della procedura è necessario autenticarsi mediante codice PIN dispositivo o CNS.

L’intermediario potrà compilare la delega con i dati propri e del delegante, in una modalità guidata dall’applicazione, nonché stamparla per la sottoscrizione da parte del delegante.

All’atto della sottoscrizione, la procedura consentirà all’utente di effettuare la validazione della delega stessa mediante esplicita conferma, dichiarando così, sotto la propria responsabilità, l’avvenuta sottoscrizione da parte del delegante.

L’intermediario s’impegnerà a custodire presso di sé la delega – unitamente ad una fotocopia di un valido documento di identità del delegante – per tutto il periodo di vigenza della stessa, nonché nei cinque anni successivi e ad esibirla a richiesta. La procedura consente, inoltre, di salvare il modulo compilato per la validazione o cancellazione in un momento successivo.

La procedura renderà valida la delega subito dopo e non prima che l’intermediario abbia effettuato la procedura di validazione.

La procedura consente, inoltre, all’intermediario di subdelegare uno o più collaboratori ed eventualmente di revocare la subdelega.

Sarà possibile indicare una data inizio ed una data fine di validità della delega stessa. In assenza della valorizzazione della data inizio, si considererà di default come data inizio delega la data di validazione; in assenza della valorizzazione della data fine, le deleghe potranno, comunque, essere revocate solo tramite la funzione di delega diretta dal titolare.

La revoca della delega ad un intermediario comporta l’automatico annullamento delle deleghe ai soggetti da lui sub-delegati.

  1. Delega indiretta per i soggetti che non hanno sottoscritto accordi con l’Istituto e non sono soggetti alla legge n.12/1979

I soggetti che non hanno sottoscritto alcun accordo con l’Istituto potranno, comunque, munirsi di delega accedendo alla procedura per le deleghe indirette. Essi potranno operare, in nome e per conto del titolare dell’azienda autonoma agricola, sulla base di deleghe rese per iscritto dal delegante e comunicate all’Istituto tramite la procedura di seguito descritta.

L’applicazione “Deleghe Indirette per artigiani, commercianti, committenti, associanti, professionisti e autonomi agricoli”, in questo caso definita indiretta, sarà disponibile nel sito internet dell’Istituto, nella sezione “Servizi per aziende, consulenti e professionisti”. Si rammenta che per l’utilizzo della procedura è necessario autenticarsi mediante codice PIN dispositivo o CNS.

L’intermediario generico potrà compilare la delega con i dati propri e del delegante, in una modalità guidata dall’applicazione, nonché stamparla per la sottoscrizione da parte del delegante.

All’atto della sottoscrizione o in una fase successiva dopo aver salvato la proposta di delega, l’intermediario dovrà inviare l’immagine elettronica della delega sottoscritta, unitamente all’immagine elettronica di un valido documento di identità del delegante, per consentire le verifiche propedeutiche alla validazione della delega stessa.

La delega avrà effetto solo dal momento della validazione.

La procedura di validazione avverrà tramite l’applicazione resa disponibile agli operatori del Contact Center che, oltre a validare la delega, potranno fornire agli utenti tutte le informazioni utili relative allo stato della richiesta; anche il richiedente, mediante l’applicativo, potrà monitorare lo stato di avanzamento della sua proposta di delega.

In caso di validazione della proposta, il soggetto dovrà custodire presso di sé la copia cartacea della delega – unitamente ad una fotocopia di un valido documento di identità del delegante – per tutto il periodo di vigenza della stessa, nonché nei cinque anni successivi ed esibirla a richiesta. In caso di reiezione il soggetto potrà visualizzare la motivazione della stessa.

Sarà possibile indicare una data inizio ed una data fine di validità della delega. In assenza della valorizzazione dell’informazione, si considererà di default come data inizio delega la data di validazione. Le deleghe potranno, comunque, essere revocate solo tramite la funzione di delega diretta dal titolare.

Non sarà possibile effettuare sub-deleghe.

  1. Delega indiretta per le Associazioni di Categoria

Gli operatori aderenti alle Associazioni di Categoria saranno abilitati ad operare con identificazione personale, sulla base dell’interscambio di informazioni avvenute con l’Istituto.

Gli operatori autorizzati potranno operare, in nome e per conto del titolare dell’azienda autonoma agricola, sulla base di deleghe rese per iscritto dal delegante e comunicate all’Istituto tramite una nuova versione della procedura  “Agricoltura: gestione deleghe sindacali” (disponibile nel sito internet dell’Istituto, nella sezione “Servizi per Associazioni di Categoria”), che è, attualmente, in fase di ultimativa definizione ed il cui rilascio e relative istruzioni operative saranno, tempestivamente, comunicate con apposito messaggio. Si rammenta che per l’utilizzo della procedura è necessario autenticarsi mediante codice PIN dispositivo o CNS.

L’operatore autorizzato compilerà la delega con i dati propri e del delegante, in una modalità guidata dall’applicazione e una volta terminata la compilazione, l’intermediario potrà stampare la delega per la sottoscrizione da parte del delegante.

All’atto della sottoscrizione, la procedura consentirà all’utente di effettuare la validazione della delega stessa mediante esplicita conferma, dichiarando così, sotto la propria responsabilità, l’avvenuta sottoscrizione da parte del delegante.

L’operatore si impegnerà a custodire presso di sé la delega – unitamente ad una fotocopia di un valido documento di identità del delegante – per tutto il periodo di vigenza della stessa, nonché nei cinque anni successivi, e ad esibirla a richiesta.

La procedura renderà valida la delega subito dopo e non prima che l’operatore abbia effettuato la procedura di validazione.

La procedura consente inoltre di subdelegare uno o più collaboratori alla gestione degli adempimenti nei confronti dell’Istituto e di gestirne la validità.

La revoca della delega ad un responsabile comporta l’automatico annullamento delle deleghe ai soggetti da lui sub-abilitati.

Si rammenta che la persona identificata come amministratore nazionale della procedura, unicamente tramite l’applicazione, dovrà gestire gli uffici delle associazioni di categoria sul territorio e i rispettivi responsabili.

Con l’occasione si evidenzia che, in coerenza con le politiche di sicurezza adottate dall’Istituto, a decorrere dal 30 marzo 2016, anche per la procedura “Agricoltura: gestione deleghe sindacali”, attualmente in linea, l’accesso  sarà consentito esclusivamente mediante codice PIN dispositivo o CNS.

(Fonte: INPS)

Commenti

commenti

Powered by Facebook Comments

Advertisement