Advertisement

Pubblicato il Decreto semplificazione attività ispettiva:

È stato pubblicato sulla G.U. n. 221 del 23.9.2015 il D.Lgs. n. 149 del 14 settembre 2015, il Decreto contenente disposizioni per la razionalizzazione e la semplificazione dell’attività ispettiva in materia di lavoro e legislazione sociale, in attuazione del Jobs Act.

In particolare con il D.Lgs. n. 149/2015 viene istituita l’Agenzia unica per le ispezioni del lavoro denominata Ispettorato nazionale del Lavoro che avrà lo scopo di svolgere le attività ispettive già esercitate dal Ministero del Lavoro, dall’INPS e dall’INAIL.

L’Ispettorato sarà chiamato a svolgere nello specifico, tra le altre, le seguenti funzioni ed attribuzioni:

Advertisement

a) esercita e coordina su tutto il territorio nazionale, sulla base di direttive emanate dal Ministro del lavoro, la vigilanza in materia di lavoro, contribuzione e assicurazione obbligatoria nonché legislazione sociale, ivi compresa la vigilanza in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, nei limiti delle competenze già attribuite al personale ispettivo del Ministero del Lavoro con decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, e gli accertamenti in materia di riconoscimento del diritto a prestazioni per infortuni su lavoro e malattie professionali, della esposizione al rischio nelle malattie professionali, delle caratteristiche dei vari cicli produttivi ai fini della applicazione della tariffa dei premi;

b) svolge le attività di prevenzione e promozione della legalità presso enti, datori di lavoro e associazioni finalizzate al contrasto del lavoro sommerso e irregolare ai sensi dell’articolo 8 del decreto legislativo 23 aprile 2004, n. 124;

c) esercita e coordina le attività di vigilanza sui rapporti di lavoro nel settore dei trasporti su strada, i controlli previsti dalle norme di recepimento delle direttive di prodotto e cura a

gestione delle vigilanze speciali effettuate sul territorio nazionale;

d) svolge attività di studio e analisi relative ai fenomeni del lavoro sommerso e irregolare e alla mappatura dei rischi, al fine di orientare l’attività di vigilanza;

Si rinvia per il resto al testo del D.Lgs. n. 149/2015 pubblicato unitamente al presente articolo.

(Fonte: Gazzetta Ufficiale)

Commenti

commenti

Powered by Facebook Comments

Advertisement