Advertisement

Gestioni speciali artigiani e commercianti:

L’INPS, con la Circolare n. 120 del 12 giugno 2015, ha fornito chiarimenti circa le gestioni speciali artigiani e commercianti e la gestione separata, la compilazione del quadro RR del modello Unico 2015 e le riscossioni dei contributi dovuti a saldo 2014 e in acconto 2015.

Al riguardo si legge quanto segue nella Circolare n. 120/2015.

L’art. 10, comma 1, del decreto legislativo 241/1997 dispone che i soggetti iscritti all’INPS per i propri contributi previdenziali (ad eccezione dei coltivatori diretti) devono determinarne l’ammontare nella propria dichiarazione dei redditi.

Advertisement

L’art. 18, comma 4, del decreto prevede che i versamenti a saldo ed in acconto dei contributi dovuti agli enti previdenziali da titolari di posizione assicurativa siano effettuati entro gli stessi termini previsti per il versamento delle somme dovute in base alla dichiarazione dei redditi.

Con provvedimento del 30 gennaio 2015 (prot. n. 2015/13218) del Direttore dell’Agenzia delle Entrate è stato approvato il modello unico 2015/PF per il periodo d’imposta 2014, nel quale è compreso il quadro “RR” obbligatorio per gli iscritti alle gestioni speciali degli artigiani e commercianti e gestione separata.

Per quanto concerne poi la compilazione del quadro RR si legge quanto segue.

Il quadro RR del modello Unico deve essere compilato dai soggetti iscritti alle gestioni dei contributi e delle prestazioni previdenziali degli artigiani e degli esercenti attività commerciali e terziario nonché dai lavoratori autonomi che determinano il reddito di arte e professione e sono iscritti alla Gestione separata di cui all’art. 2, comma 26, della legge 8 agosto 1995 n.335 per la determinazione dei contributi dovuti all’INPS.

Si rimanda, per il resto delle informazioni, relative alla “Compilazione del quadro RR”, alla “Rateizzazione”, alla “Compensazione” per artigiani e commercianti e per i liberi professionisti, al contenuto della Circolare n. 120/2015 pubblicata unitamente al presente articolo.

(Fonte: INPS)

Commenti

commenti

Powered by Facebook Comments

Advertisement