Advertisement

Legge di stabilità e sgravi contributivi:

È nota ormai l’approvazione della Legge di Stabilità 2015 che, tra i vari argomenti, disciplina le c.d. assunzioni agevolate. In pratica, per i datori di lavoro privati che procederanno ad assumere personale nell’arco temporale tra il 1° gennaio e il 31 dicembre 2015 è previsto l’esonero dal versamento della contribuzione complessiva a loro carico, per un massimo di 36 mesi ed entro il tetto massimo di 8.060,00 euro annui.

Tale incentivo però non sarà applicato alle assunzioni con contratto di apprendistato e con contratto di lavoro domestico.

Sono altresì esclusi dal godimento di tale beneficio:

Advertisement
  • i premi ed i contributi da versare all’INAIL;
  • le assunzioni di lavoratori che, nei sei mesi precedenti hanno lavorato con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato presso un qualsiasi datore di lavoro, o presso la medesima azienda (o controllata/collegata) nell’ultimo trimestre del 2014 (anche con contratto di somministrazione);
  • i contratti di riassunzione con agevolazione di lavoratori per i quali il datore ha già fruito del nuovo incentivo;

Lo sgravio contributivo di cui sopra, inoltre, non è cumulabile con altri benefici eventualmente previsti dal nostro ordinamento ed è necessario che per fruirne il datore di lavoro deve essere (ovviamente) in regola con il versamento dei contributi ordinari e con il rispetto della legislazione del lavoro.

Inoltre, sempre dal 1° gennaio 2015, viene definitivamente soppresso il beneficio contributivo di cui all’art. 8, comma 9, L.n. 407/1990 per quei datori di lavoro che assumevano lavoratori disoccupati o in cassa integrazione da almeno 24 mesi.

Le tipologie di contratto di assunzione per le quali si fruirà dell’incentivo saranno i contratti a tempo indeterminato a tutele crescenti e i contratti a termine trasformati in contratti a tempo indeterminato, ma per questi ultimi sarà necessario attendere le indicazioni dei tecnici che sono al lavoro per la redazione dei decreti di attuazione.

 

 

Commenti

commenti

Powered by Facebook Comments

Advertisement