Advertisement

Bocciata maxisanzione sul lavoro nero:

La Corte Costituzionale, con la sentenza n. 254 del 13 n ovembre 2014, ha dichiarato la illegittimità costituzionale dell’art. 36 – bis, comma 7, lettera a), del D.L. n. 223/2006 (Disposizioni urgenti per il rilancio economico e sociale, per il contenimento e la razionalizzazione della spesa pubblica, nonché interventi in materia di entrate e di contrasto all’evasione fiscale), convertito, con modificazioni, dall’art. 1, comma 1, della L.n. 248/2006, che ha modificato l’art. 3, comma 3, del D.L. n. 12/2002 (Disposizioni urgenti per il completamento delle operazioni di emersione di attività detenute all’estero e di lavoro irregolare), convertito, con modificazioni, dall’art. 1, comma 1, della L.n. 73/2002, nella parte in cui stabilisce: “L’importo delle sanzioni civili connesse all’omesso versamento dei contributi e premi riferiti a ciascun lavoratore di cui al periodo precedente non può essere inferiore a euro 3.000 indipendentemente dalla durata della prestazione lavorativa accertata”.

Ad avviso della Corte, si legge nella sentenza n. 254/2014, “poiché le sanzioni civili connesse all’omesso versamento di contributi e premi hanno una funzione essenzialmente risarcitoria, essendo volte a quantificare, in via preventiva e forfettaria, il danno subito dall’ente previdenziale, la previsione di una soglia minima disancorata alla durata della prestazione lavorativa accertata, dalla quale dipende l’entità dell’inadempimento contributivo e del relativo danno, è irragionevole”. Il legislatore, infatti, si legge ancora nella sentenza – “con la norma impugnata, ha predeterminato in via presuntiva il danno subito dall’ente previdenziale a causa dell’omissione contributiva, ma nel far ciò ha escluso la rilevanza di uno degli elementi che concorrono a cagionare quel danno, costituito dalla durata dei rapporti di lavoro non risultanti dalle scritture o da altra documentazione obbligatoria e dal correlativo inadempimento dell’obbligo contributivo”. In tal modo, però, la sanzione risulta arbitraria e irragionevole, perché, pur avendo la funzione di “risarcire, in misura predeterminata dalla legge, con una presunzione “iuris et de iure”, il danno cagionato all’Istituto assicuratore” è stabilita con un criterio privo di riferimento all’entità di tale danno, dipendente dalla durata del periodo in cui i rapporti di lavoro in questione si sono protratti.

(Fonte: Corte Costituzionale)

Advertisement

Commenti

commenti

Powered by Facebook Comments

Advertisement