Infortunio, il datore non è responsabile per il comportamento arbitrario del lavoratore

Infortunio, il datore non è responsabile per il comportamento arbitrario del lavoratore: 

La Corte Suprema di Cassazione, con la sentenza 146 del 2018, ha precisato che il datore di lavoro non è responsabile in caso di infortunio verificatosi a causa del comportamento arbitrario del lavoratore.

Ma vediamo nel dettaglio la decisione della Cassazione con l’articolo pubblicato oggi (8.1.2018) dal Quotidiano del Diritto del Sole 24 Ore (Firma: G. Piagnerelli; titolo: “Il datore di lavoro non risponde dell’infortunio al lavoratore che agisce in modo arbitrario senza avvertire”) che di seguito riportiamo.

“Alla stregua dell’articolo 2087 c.c.* non è ipotizzabile a carico dell’imprenditore un obbligo di sicurezza e prevenzione anche in relazione a condotte del dipendente che pur non rientranti nella nozione di inopinabilità e di abnormità, siano state poste in essere successivamente al compimento della prestazione lavorativa richiesta, perché non rientranti nella suddetta prestazione e perché effettuate senza darne allo stesso preventiva comunicazione secondo le direttive impartite. Corollario di tale principio è che la parte datoriale non incorre nella responsabilità di cui alla norma civilistica per non avere fornito le attrezzature necessarie a tutelare l’integrità psico-fisica del lavoratore nello svolgimento della non prevista prestazione né di non avere esercitato il controllo sulla conseguente esecuzione nel rispetto dei paradigmi di sicurezza legislativamente richiesti”.

La vicenda – Questo il principio di diritto espresso dalla Cassazione con la sentenza n. 146/2018. La Corte si è trovata alle prese con una vicenda in cui un lavoratore aveva subito un infortunio cadendo a terra dalla scala, perché, in precarie condizioni di stabilità, aveva voluto comunque tagliare un ramo che poggiava su un cavo elettrico. I giudici di merito e anche la Cassazione hanno rilevato come in questi casi debba essere esaminato il comportamento del lavoratore, perché la decisione è frutto di una scelta assolutamente arbitraria. Anche perché, se così non fosse, il datore sarebbe sempre e comunque responsabile per azioni del prestatore anche se dettate da eccessiva spregiudicatezza che nulla hanno a che vedere con la best practice e con i vari mezzi di sicurezza messi a disposizione dall’imprenditore.

L’alternativa – Nel caso concreto, infatti, l’episodio non sarebbe accaduto se il prestatore avesse fatto presente la situazione ai responsabili. In quel caso il datore avrebbe provveduto a mettere a disposizione una piattaforma aerea che avrebbe molto probabilmente scongiurato l’accaduto. La Corte così ha rigettato il ricorso del lavoratore.

*Articolo 2087 Tutela delle condizioni di lavoro

L’imprenditore è tenuto ad adottare nell’esercizio dell’impresa le misure che, secondo la particolarità del lavoro, l’esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l’integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro.

Comments

comments

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: