Advertisement

Il Ministero del Lavoro ha reso noto che, a partire dal 6 aprile u.s., le comunicazioni obbligatorie riguardanti la costituzione di un rapporto di lavoro da parte delle aziende e degli operatori del settore si potranno effettuare esclusivamente mediante utilizzo di una piattaforma dedicata, quando il sistema informatico non è disponibile.

La piattaforma dedicata, denominata COUniUrg è riservata proprio all’invio delle comunicazioni sintetiche d’urgenza (UniURG) ed è raggiungibile al seguente indirizzo:

https://couniurg.lavoro.gov.it/

Il modello Unificato URG è il modulo mediante il quale tutti i datori di lavoro pubblici e privati, di qualsiasi settore, ad eccezione delle agenzie per il lavoro relativamente ai rapporti di somministrazione, adempiono all’obbligo di comunicazione di assunzione dei lavoratori, in casi di urgenza connesse al non corretto funzionamento del servizio informatico.

Advertisement

Resta fermo l’obbligo di invio della comunicazione ordinaria nel primo giorno utile successivo.
La nuova procedura web permette di effettuare la comunicazione di assunzione sintetica d’urgenza in caso di non corretto funzionamento dei sistemi, attraverso la compilazione di un modulo che sostituisce definitivamente il servizio “Fax Service” con cui era possibile inviare la comunicazione d’urgenza in forma cartacea.

Oltre che compilare il form online contenente il modulo informatico, con il nuovo applicativo è possibile anche effettuare una ricerca tra le comunicazioni già effettuate, se presenti.

Il Ministero del Lavoro ha poi precisato che a partire dal 6 aprile 2022, con la messa in esercizio del nuovo applicativo, non sarà più accettata alcuna comunicazione sintetica d’urgenza fatta pervenire attraverso la numerazione fax.

Ma quali sono le situazioni di emergenza cui si riferisce il Ministero? Sostanzialmente sono tre e cioè:
-Blocco dei servizi telematici del ministero;

– cause di forza maggiore che non consentono l’invio anticipato di Unilav: ad esempio, improvvise malattie, infortuni e assenze di un lavoratore con conseguente necessità di una sua sostituzione immediata; oppure quando l’azienda è in grado di dimostrare che un evento fortuito e improvviso non gli ha permesso il rispetto della scadenza;

– chiusura dello studio di consulenza (sabato, domenica, festivi e ferie) cui l’azienda ha affidato l’esecuzione degli adempimenti in materia di lavoro, può costituire motivo di urgenza.

Al verificarsi di tale evenienza il datore di lavoro invia l’Uniurg, cui segue la regolare comunicazione da effettuarsi entro il primo giorno utile successivo dopo la riapertura dello studio professionale. Sul datore di lavoro cade anche l’onere di documentare l’esistenza dell’incarico professionale e la chiusura dello studio che lo assiste.

(Fonte: Ministero del Lavoro)

Commenti

commenti

Powered by Facebook Comments

Advertisement