Advertisement

Le prime indicazioni su prevenzione e controllo delle infezioni da Sars-Cov-2 in tema di varianti e vaccinazioni anti-Covid-19, allegate alla Circolare 15 marzo 2021, sono state  redatte e pubblicate dal gruppo di lavoro costituito dal Ministero della Salute, Istituto Superiore di Sanità (ISS),  Aifa e INAIL.

Come si legge nel comunicato del Ministero della Salute, le indicazioni rispondono a diversi quesiti sulle misure farmacologiche, di prevenzione e controllo delle infezioni da Coronavirus sorti con il progredire della campagna vaccinale contro il contagio e la comparsa delle diverse varianti del virus.

I quesiti affrontano argomenti come i test diagnostici, il comportamento dei lavoratori vaccinati, le persone che hanno ricevuto il vaccino fuori dall’ambiente di lavoro, i contatti di un soggetto vaccinato con una persona positiva, lo screening degli operatori sanitari, la vaccinazione di chi è già stato contagiato.

Come si legge nella Introduzione alle Indicazioni, la circolazione prolungata di SARS-Cov-2 e il meccanismo naturale di accumulo di errori durante la replicazione virale generano la comparsa di varianti virali di cui solo alcune destano preoccupazione per la salute pubblica (Variant Of Concern, VOC), essenzialmente per la presenza di mutazioni che possono conferire al virus SARS-CoV-2 un’aumentata capacità diffusiva, così come la potenziale resistenza a trattamenti terapeutici (es. anticorpi monoclonali) e la capacità di eludere la risposta protettiva evocata dalla vaccinazione. Sebbene sia ancora in corso di valutazione se alcune VOC siano associate ad un quadro clinico più grave o se colpiscano maggiormente alcune specifiche fasce di popolazione, è noto, invece, che l’aumentata circolazione, per esempio, della variante VOC 202012/01 (denominata anche B.1.1.7), identificata per la prima volta nel Regno Unito e caratterizzata da una maggiore capacità diffusiva, può determinare un incremento significativo del numero di ospedalizzazioni, con conseguente impatto sui sistemi sanitario.

Advertisement

Mentre in Italia si stanno attuando indagini per accertare la presenza e la diffusione di queste varianti e la campagna vaccinale anti-COVID-19 è attualmente in corso, sono sorti diversi quesiti sulle misure di prevenzione e controllo delle infezioni sostenute da varianti di SARS-CoV-2 sia di tipo non farmacologico sia di tipo farmacologico. Infatti, in generale, si può affermare che una drastica riduzione della circolazione virale nella popolazione sia in grado di prevenire la diffusione delle VOC già note e il potenziale sviluppo di ulteriori nuove varianti.

Queste Indicazioni, utili anche nei luoghi di lavoro, si propongono quindi di essere di riferimento per l’implementazione di strategie di prevenzione e controllo dei casi di COVID-19, in particolare alla luce delle nuove varianti virali ed anche sui comportamenti da tenere nei confronti delle persone vaccinate.

(Fonte: Ministero Sanità)

Commenti

commenti

Powered by Facebook Comments

Advertisement