Advertisement

Archivio infortuni, pubblicato il Regolamento del SINP:

È stato pubblicato sulla G.U. di ieri, il decreto n. 183 del 2016 contenente il Regolamento per la realizzazione e il funzionamento del SINP, il sistema informativo nazionale per la prevenzione nei luoghi di lavoro, o archivio infortuni di cui all’art. 8 del decreto legislativo n. 81 del 2008 (v. anche: “Abolizione obbligo di tenuta del registro infortuni”).

A parlarci nel dettaglio del Regolamento dell’ archivio infortuni è anche l’articolo pubblicato oggi (28.9.2016) dal Sole 24 Ore (Firma: Luigi Caiazza, Titolo: “Definite le regole per l’ archivio infortuni”) che vi proponiamo.

Ecco l’articolo.

Dopo oltre otto anni dall’entrata in vigore del Dlgs 81/2008 (Testo unico sulla salute e sicurezza sui luoghi di lavoro), è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale di ieri il decreto interministeriale del 25 maggio 2016, che contiene le regole per il funzionamento del Sistema informativo nazionale per la prevenzione nei luoghi di lavoro (Sinp), che conterrà informazioni relativi a infortuni, malattie, attività di prevenzione e di vigilanza in tema di salute e sicurezza.

Il sistema si basa sulla cooperazione applicativa tra gli enti che ne fanno parte: i ministeri del Lavoro, della Salute, dell’Interno, le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano, l’Inail. Per quanto concerne il monitoraggio della produzione e della qualità dei dati contenuti nel Sinp trovano applicazione le regole già adottate dall’Inail che sono rese disponibili alle amministrazioni che fanno parte del sistema.

Il Sinp renderà disponibili agli enti fruitori, elencati nell’allegato E, gli strumenti di accesso e di analisi dei dati ritenuti adeguati nel rispetto della privacy. Le informazioni che derivano dalla elaborazione dei dati devono in ogni caso consentire la conoscenza necessaria alle finalità relative alla programmazione, orientamento e pianificazione, con particolare riguardo al quadro produttivo, a quello dei rischi, della salute e sicurezza dei lavoratori.

Commenti

commenti

Advertisement

Powered by Facebook Comments