Advertisement

Lavoratori distaccati e certificato di legislazione applicabile:

L’INPS, con il Messaggio n. 218 del 2016 relativamente ai lavoratori distaccati e alla modulistica relativa al certificato di legislazione applicabile, ha reso nota la pubblicazione della nuova modulistica per il rilascio del certificato di legislazione applicabile.

Al riguardo si legge quanto segue nel Messaggio n. 218/2016.

Al fine di procedere all’integrazione della modulistica disponibile per la presentazione delle richieste da parte degli utenti esterni, sono stati predisposti nuovi modelli per il rilascio del certificato di legislazione applicabile (A1), aggiornato con le novità introdotte in materia dai regolamenti (CE) n. 883/2004 e n. 987/2009.

Come noto il predetto certificato deve essere rilasciato, secondo quanto previsto dalla normativa comunitaria, nel caso in cui il lavoratore si rechi temporaneamente a lavorare in uno Stato membro dell’Ue, diverso da quello di provenienza (distacco), o nell’ipotesi di svolgimento dell’attività lavorativa in più Stati membri (lavoro contemporaneo).

Advertisement

I nuovi moduli per il rilascio del certificato di legislazione applicabile  A1 (allegato n. 1), distinti per categoria di lavoratore, sono disponibili nell’area modulistica del sito intranet, per gli operatori interni, e nell’area modulistica/ Unione Europea del sito internet dell’Istituto (www.inps.it) per gli utenti esterni.

Si specifica che, trattandosi di modelli a compilazione dinamica,  gli utenti, una volta aperto il file, nella prima pagina  dovranno specificare la fattispecie per la quale si richiede il rilascio del certificato di legislazione applicabile. Si riporta di seguito l’elenco delle casistiche riportate nella pagina iniziale:

  1. Dipendente pubblico distaccato (Art.11 par.3/b)
  2. Personale di volo e di cabina (Art.11 par.5)
  3. Lavoratore subordinato distaccato (Art.12 par.1)
  4. Lavoratore autonomo distaccato (Art.12 par.2)
  5. Lavoratore subordinato che esercita un’attività in più Stati (Art.13 par.1)
  6. Lavoratore autonomo che esercita un’attività in più Stati (Art.13 par.2)
  7. Lavoratore autonomo e subordinato che esercita un’attività in più Stati (Art.13 par.3)
  8. Dipendente pubblico che svolge attività di lavoro subordinato e/o autonomo in più Stati (Art.13 par.4).

Una volta indicata la condizione soggettiva del lavoratore per il quale si chiede la certificazione di distacco, sarà possibile procedere nella compilazione delle pagine successive del modulo.

A tal riguardo, si precisa che le domande di distacco relative ai lavoratori subordinati (opzione 3.) potranno essere presentate solo dai datori di lavoro o dai soggetti delegati da questi ultimi alla gestione delle posizioni contributive (rappresentanti legali o consulenti del lavoro).

In questi casi, il modello, una volta compilato, dovrà essere inoltrato all’Inps tramite utilizzo della funzione cassetto bidirezionale disponibile, con accesso tramite PIN, tra i Servizi OnLine per la tipologia di utente “Aziende, consulenti e professionisti” presenti sul portale Inps www.inps.it, avvalendosi della funzionalità “contatti”, oggetto “certificazioni di distacco”.

In tutti gli altri casi (opzioni 1., 2., 4., 5., 6., 7., 8.), gli utenti potranno inoltrare la richiesta tramite utilizzo di pec o lettera raccomandata A/R alle strutture territoriali Inps competenti. Inoltre, in tali casi, rimane la facoltà di presentare il modulo anche a mano presso gli sportelli Inps di residenza, che provvederanno all’inoltro dello stesso presso le Strutture territoriali competenti al rilascio della certificazione A1.

(Fonte: INPS)

Commenti

commenti

Powered by Facebook Comments

Advertisement