Advertisement

Lavoro domestico: nuova campagna informativa INPS

L’INPS, per agevolare le famiglie negli adempimenti legati all’assunzione di un lavoratore domestico, (assunzione, variazioni, versamento dei contributi, cessazione del rapporto di lavoro, ecc.), mette a disposizione dei cittadini sul proprio sito internet (www.inps.it, nella Sezione “INPS Facile” e poi “Come fare per gestire un lavoratore domestico) tutte le informazioni utili e i relativi servizi on line per i datori di lavoro domestico.

Nella Sezione dedicata è possibile trovare anche un simulatore del calcolo dei contributi che consente all’utente di calcolare l’importo dei contributi sulla base delle ore di lavoro e della retribuzione. L’INPS al riguardo evidenzia che, qualora l’esigenza di aiuto in casa fosse solo salturaria, è consentito retribuire il lavoratore anche a mezzo dei c.d. buoni lavoro del valore di 10 euro, comprensiva anche della quota contributiva INPS e dell’assicurazione INAIL.

In caso di assunzione con contratto stabile, il datore di lavoro è obbligato per legge a comunicare l’assunzione all’INPS tramite il Contract Center Multicanale 803164, oppure tramite l’apposito servizio on line “Lavoratori domestici: Iscrizione rapporto di lavoro”, accessibile mediante inserzione del codice PIN personale nella pagina “Servizi” del sito on line dell’Istituto.

Advertisement

Quando si verificano variazioni del rapporto di lavoro, come nel caso di aumento o diminuzione del numero delle ore di lavoro, il datore di lavoro è tenuto a comunicare tale variazione all’INPS, utilizzando il sevizio on line (sempre disponibile sul sito dell’Istituto) alla Sezione “Variazione rapporto di lavoro”. Tale comunicazione è fondamentale perchè in tal modo l’INPS provvederà ad inviare presso il domicilio del datore di lavoro i bollettivi MAV corretti.

Al riguardo l’Istituto segnala che il versamento dei contributi delle colf hanno scadenze bene precise e cioè:

– I trimestre: 1-10 aprile;

– II trimestre: 1-10 luglio;

– III trimestre: 1-10 ottobre;

– IV trimestre: 1-10 gennaio.

L’INPS, inoltre, mette a disposizione un servizio di notifica a mezzo del quale vengono inviati SMS o mail che ricordano al datore di lavoro domestico la scadenza del pagamento dei contributi, l’importo presunto da pagare e il corrispondente codice MAV.

Il pagamento dei contributi può avvenire con modalità differenti e nello specifico:

– in contanti o tramite carta di credito;

– tramite il portale INPS;

– tramite il Contact center;

– in banca;

– on line;

– nelle tabaccherie;

– negli uffici postali.

Al momento del pagamento è altresì possibile modificare;

– il numero delle ore lavorate dal collaboratore domestico;

– l’importo della retribuzione;

– il periodo lavorato rispetto al trimestre precedente.

Infine, da novembre 2013 i contributi si possono pagare anche dal proprio smartphone, scaricando l’app “Inps Servizi Mobile”, nella quale sono disponibili il Simulatore di calcolo dei contributi e il servizio di Pagamento contributi tramite POS virtuale Intesa San Paolo.

Commenti

commenti

Powered by Facebook Comments

Advertisement