Advertisement

Indennità  giornaliera per inabilità temporanea

A decorrere dal quarto giorno successivo a quello in cui è avvenuto l’infortunio o si è manifestata la malattia professionale e fino a quando dura l’inabilità assoluta, che impedisca totalmente e di fatto all’infortunato di svolgere le sue mansioni, è corrisposta al lavoratore medesimo una indennità giornaliera nelle seguenti misure (art. 68, D.P.R. n. 1124/1965):

  • del 60% della retribuzione giornaliera, dal 4º al 90º giorno successivi all’infortunio;

  • del 75% della retribuzione giornaliera, dal 91º giorno fino a guarigione. Il giorno in cui avviene l’infortunio non è compreso fra quelli da computare per la determinazione della durata delle conseguenze dell’infortunio stesso (art. 71, D.P.R. n. 1124/1965).

    Advertisement

    Per i periodi di ricovero in istituti di cura, l’indennità potrà essere ridotta di 1/3, qualora l’assicurato non abbia familiari a carico (art. 72, D.P.R. n. 1124/1965).

    Inoltre per la liquidazione delle indennità per inabilità temporanea, l’Inail dovrà fare riferimento alla retribuzione media giornaliera risultante dalla denuncia di infortunio, determinata come segue (artt. 116 e 117, D.P.R. n. 1124/1965):

    determinazione della retribuzione media oraria, ottenuta rapportando il totale, percepito nei 15 gg. precedenti l’infortunio, al numero delle ore retribuite;

    determinazione della retribuzione media giornaliera, moltiplicando quella oraria per l’ammontare delle ore di lavoro settimanali e dividendo il prodotto per 6 giornate;

    in caso di retribuzione fissa mensile, la determinazione della retribuzione media giornaliera si otterrà dividendo l’importo globale mensile per 25 (300 giornate lavorative annue rapportate a 12 mesi = 25), considerando che tale criterio è comunque applicabile anche nel caso in cui la retribuzione mensile sia suscettibile di variazioni rispetto al numero delle ore effettivamente lavorate o indennizzabili.

    Qualora siano previste retribuzioni convenzionali, le indennità verranno determinate sulla base di tali importi (art. 118, D.P.R. n. 1124/1965).

    Inoltre nel calcolo della retribuzione media giornaliera, dovranno essere comprese altresì le quote di ferie, festività e mensilità aggiuntive, sempre rapportate alle 300 giornate lavorative annue.

    Il versamento della suddetta indennità avviene, posticipatamente, per tutti i giorni cadenti nel periodo di infortunio, ivi compresi i giorni festivi.

    Il datore di lavoro non è tenuto ad anticipare l’indennità per conto dell’Inail tranne il caso in cui vi sia richiesta diretta dall’Istituto (art. 70, D.P.R. n. 1124/1965). In tal caso, ovviamente, l’indennità sarà in seguito rimborsata al datore di lavoro dall’Inail

    Nella circostanza in cui il datore di lavoro decidesse di anticipare l’indennità ai propri lavoratori dipendenti, è tenuto a comunicarlo all’Inail mediante il Mod. 178 Prest., ivi indicando altresì le modalità di pagamento delle indennità di inabilità temporanea anticipate al lavoratore.

    Si evidenzia che l’indennità economica erogata dall’Inail, non è cumulabile con le seguenti prestazioni Inps:

    – per indennità economica di malattia,

    – per indennità economica di maternità,

    – per indennità economica sanatoriale,

    – per cassa integrazione guadagni.

    E’ invece cumulabile con:

    – l’assegno per congedo matrimoniale (che deve però essere corrisposto in misura pari alla differenza tra la retribuzione spettante nello stesso periodo e l’indennità Inail).

    In caso che l’infortunio colpisca lavoratori parasubordinati, l’Inail sarà tenuto a liquidare l’ammontare dell’indennità per inabilità temporanea assoluta, in base alla retribuzione effettiva secondo la disciplina generale e non in base al massimale di rendita.

Commenti

commenti

Powered by Facebook Comments

Advertisement