Advertisement

Assegno maternità a carico dei Comuni:

Questa prestazione assistenziale (assegno maternità)  viene erogata dall’INPS e concessa dal Comune di residenza, alle donne non lavoratrici (cittadine italiane o comunitarie residenti in Italia o extracomunitarie in possesso di carta di soggiorno) e non iscritte ad alcun fondo previdenziale, per ogni figlio biologico (in caso di parto gemellare la prestazione si raddoppia) e per ogni minore adottato o in affidamento preadottivo, per la durata complessiva di cinque mesi.

La madre che richiede l’assegno di maternità a carico dei Comuni:

  • non deve percepire altri trattamenti economici di maternità (nel caso in cui ne percepisca uno di importo inferiore, ha diritto alla differenza);

  • il suo nucleo familiare non deve superare i limiti di reddito stabiliti annualmente con il criterio dell’Indicatore della Situazione Economica.

    Advertisement

La domanda va presentata al Comune di residenza entro il termine perentorio di sei mesi dalla nascita del bambino o, in caso di adozione o affidamento, dall’ingresso del bambino in famiglia.

Commenti

commenti

Powered by Facebook Comments

Advertisement