Advertisement

Incentivo assunzioni, le istruzioni INPS al datore di lavoro: 

L’INPS, con la Circolare n. 41 del 2017, ha precisato che sul nuovo incentivo assunzioni per i datori di lavoro del Sud Italia verrà effettuata una verifica preventiva presso l’Istituto per stabilire l’effettiva disponibilità delle risorse stanziate (v. anche l’altro articolo di approfondimento cliccando qui).

E di incentivo assunzioni e circolare 41/2017 INPS ci parla anche l’articolo pubblicato oggi (2.3.2017) dal Sole 24 Ore (Firma: Barbara Massara; Titolo: “Assunzioni con sconto al Sud”) che vi proponiamo.

Ecco l’articolo.

Il nuovo incentivo per le assunzioni al Sud effettuate nel 2017 sarà soggetto a una verifica preventiva presso l’Inps della effettiva disponibilità delle risorse stanziate. La procedura telematica di presentazione della domanda non è però ancora pronta, in quanto, come precisato dall’Inps nella circolare 41/2017 pubblicata ieri, sarà rilasciata entro 15 giorni.

È invece confermato che l’incentivo dovrà essere recuperato a partire dal prossimo mese di aprile, con relativa esposizione nel flusso uniemens di competenza dello stesso mese.

L’incentivo, che consiste nell’esonero contributivo annuo fino a 8.060 euro, si applica, nei limiti delle risorse stanziate, a tutti i datori di lavoro privati che assumono a tempo indeterminato, anche in somministrazione, lavoratori con sede di lavoro in Abruzzo, Molise, Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia e Sardegna, non rilevando né la sede legale dell’azienda, né la residenza anagrafica del dipendente.

L’agevolazione riguarda l’assunzione a tempo indeterminato, anche part time, anche nella forma di apprendistato professionalizzante, nonché le trasformazioni di rapporti a termine. Può essere riconosciuta per ogni dipendente per un solo rapporto di lavoro.

L’incentivo, che ha struttura e caratteristiche simili dell’esonero contributivo triennale del 2015 e di quello biennale del 2016, consiste nello sgravio dei contributi previdenziali a carico dell’azienda nel limite massimo di euro 8.060 annuo (da riproporzionare per i part time), da fruire in quote mensili (massimo di 671,66 euro, la cui quota eccedente si recupera nei mesi successivi).

Sono esclusi dall’esonero i premi Inail, il Tfr destinato al Fondo di Tesoreria, il contributo per i fondi di solidarietà/Fis, il contributo dello 0,30% che finanzia i fondi di formazione continua e i contributi di solidarietà (sui versamenti a fondi/casse, nonché per i lavoratori sportivi e dello spettacolo).

L’agevolazione è fruibile fino al 28 febbraio 2019 e si sospende durante la maternità obbligatoria, salvo l’obbligo di recuperarla al massimo con il flusso uniemens di gennaio 2019.

La fruizione del beneficio è sottoposta a tutte le condizioni tipiche delle agevolazioni contributive: dalla regolarità contributiva alle misure di tutela delle condizioni di lavoro, dal rispetto dei Ccnl e contratti di secondo livello ai principi generali previsti dall’articolo 31 del Dlgs 150/2015 (per esempio, l’assunzione non deve scaturire da un obbligo legale/contrattuale, non devono essere in atto presso l’azienda sospensioni per crisi o riorganizzazione aziendale).

L’incentivo rientra nel regime de minimis (200mila euro nel triennio), e qualora sia stato superato il tetto massimo, il riconoscimento è subordinato alla realizzazione dell’incremento occupazionale netto rispetto alla media dei dodici mesi precedenti.

LE REGOLE

01 requisiti del lavoratore,

se di età compresa tra i 16 e i 24 anni, deve essere disoccupato, cioè privo di impiego e aver dichiarato telematicamente la sua disponibilità al lavoro.

se ha compiuto i 25 anni, deve anche risultare privo di impiego regolarmente retribuito negli ultimi 6 mesi

indipendentemente dall’età non deve aver avuto negli ultimi 6 mesi alcun rapporto di lavoro dipendente con il datore richiedente o con una società controllata/collegata

questi requisiti sono esclusi in caso di stabilizzazione

02 Flusso Uniemens

L’agevolazione sarà esposta dal datore di lavoro nell’elemento <Incentivo> della denuncia individuale con il nuovo codice BSUD (per coloro che rispettano il de minimis) e D367 (per coloro che sono oltre il de minimis), distinguendo l’importo corrente dagli arretrati (relativi esclusivamente a gennaio/febbraio/marzo 2017).

L’importo del bonus da recuperare sarà ricostruito dall’Inps nel DM virtuale con il codici L462 (corrente)/L463 (arretrati) per le aziende dentro il de minimis, e L464 (corrente) e L465 (arretrati) per chi è fuori dal tetto del de minimis. Il conguaglio sarà esposto nell’elemento <AltreAcredito> con i codici L704 (dentro il de minimis) e L705 (se oltre il de minimis)

Commenti

commenti

Advertisement

Powered by Facebook Comments

Advertisement