Advertisement

Dimissioni volontarie nuove funzionalità sul “cruscotto”:

Il sistema delle dimissioni volontarie – SDV, realizzato a seguito dell’entrata in vigore del Decreto Ministeriale del 15 dicembre 2015, consente a tutti i soggetti, obbligati e abilitati, di inviare al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali la comunicazione della volontà del lavoratore di recedere dal rapporto di lavoro per dimissioni (c.d. “volontarie”) o per risoluzione consensuale, secondo il modello adottato con il decreto citato. È quanto si legge nella Nota n. 33 del 2016 con la quale il Ministero del Lavoro ha fornito chiarimenti agli interessati.

Ecco quanto si legge ancora nella Nota n. 33/2016.

Tali comunicazioni vengono inviate ai datori di lavoro titolari del rapporto di lavoro da cui si intende recedere e messe a disposizioni delle direzioni territorialmente competenti attraverso l’accesso al repository centrale messo a disposizione degli ispettori del lavoro.

Dato che tale comunicazione riguarda “solo” genuinità della manifestazione di volontà del lavoratore e non ha alcun effetto immediato sul rapporto di lavoro, risulta utile, soprattutto per le attività di vigilanza, incrociare tali comunicazioni con quelle di cessazione che il datore di lavoro deve inviare entro 5 giorni dalla conclusione del rapporto di lavoro.

Advertisement

È per questo motivo che sono state sviluppate nuove funzionalità che a partire dall’11 maggio sono reperibili sul “cruscotto” messo a disposizione di codeste direzioni del lavoro che consentono di:

accedere a tutte le comunicazioni di dimissioni / risoluzioni consensuali ricercandole per “comune”;

ricercare eventuali dimissioni / risoluzioni consensuali per codice fiscale del lavoratore o dell’azienda,

avere accesso alle dimissioni / risoluzioni consensuali inviate successivamente ad una comunicazione di cessazione;

avere accesso alle dimissioni / risoluzioni consensuali per i quali non segue una comunicazione di cessazione;

avere accesso alle dimissioni con data di decorrenza superiore a 3 mesi dalla data di trasmissione.

L’accesso alla procedura sarà possibile per tutti gli ispettori accreditati.

Qualunque informazione ulteriore potrà essere inviata alla mail istituzionale (dimissionivolontarie@lavoro.gov.it), indicando i propri riferimenti, utili per poter essere eventualmente contattati.

(Fonte: Ministero del Lavoro)

 

Commenti

commenti

Powered by Facebook Comments

Advertisement