Advertisement

Chiarimenti sul rilascio del DURC online:

L’INPS, con il Messaggio n. 4580 del 06 luglio 2015, ha fornito chiarimenti sul rilascio del DURC online agli utenti.

Al riguardo si legge quanto segue nelle premesse del Messaggio n. 4580/2015.

A seguito dell’avvio del nuovo servizio Durc OnLine, sono stati effettuati alcuni adeguamenti in in www.sportellounicoprevidenziale.it e sono state disabilitate le richieste di DURC finora previste.

Advertisement

Nonostante l’avviso pubblicato nell’home page dell’applicativo, nella giornata del 1° luglio alcuni utenti, soprattutto stazioni appaltanti, hanno continuato ad effettuare richieste di DURC selezionando le nuove tipologie disponibili, indicando dati incongruenti con le stesse.

Per impedire l’inoltro di ulteriori richieste anomale alle ore 18,30 del 1° luglio 2015 l’applicativo è stato reso disponibile agli utenti esterni per la sola consultazione. L’home page visualizzabile attualmente è riportata nell’Allegato n. 1.

Come specificato nell’avviso, per tutte le richieste con data 1° luglio 2015 pervenute tramite Sportello Unico Previdenziale che non riportano le specifiche previste per ciascuna delle tipologie disciplinate dall’art. 9, comma 1, del D.M. 30.1.2015 non deve essere effettuata alcuna istruttoria e non sarà emesso alcun certificato, in quanto gli utenti devono verificare la regolarità contributiva esclusivamente con il nuovo servizio Durc OnLine.

Non sarà emesso alcun certificato nemmeno per le richieste inoltrate dagli utenti tramite Sportello Unico prima delle ore 9 del 1° luglio, utilizzando le tipologie (appalti pubblici, lavori edili privati, attestazioni SOA, ecc.) previste prima del rilascio dell’ultima versione dell’applicativo.

L’INPS si riserva di fornire notizie circa la ripresa dell’operatività di Sportello Unico, che dovrebbe rimanere attivo in via transitoria non oltre il 1° gennaio 2017 esclusivamente per le verifiche di regolarità contributiva in presenza di certificazione di crediti, per il pagamento di fatture relative a debiti della P.A. scaduti al 31.12.2012, per la regolarizzazione di lavoratori extracomunitari di cui al D.Lgs. 109/2012 e per la ricostruzione privata in Abruzzo.

Si descrivono gli adeguamenti apportati all’applicativo con la versione 4.0.1.34 per le richieste di DURC – temporaneamente inibite – previste dall’art. 9, comma 1 del decreto, già illustrate al paragrafo 6 della circolare INAIL 61/2015 e al paragrafo 8 della circolare Inps 126/2015.

L’unica richiesta effettuabile in www.sportellounicoprevidenziale.it è “Altra Tipologia” per “Altri usi consentiti dalla legge”, impostata automaticamente dal sistema. L’utente deve quindi selezionare una delle seguenti opzioni inserendo un flag nella corrispondente casella:

  • DURC con certificazione crediti P.C.C.
  • DURC fatture P.A. debiti scaduti 31.12.2012
  • DURC regolarizzazione extracomunitari
  • DURC ricostruzione privata sisma Abruzzo

La schermata visualizzata dall’utente è riportata nell’Allegato n. 2.

Si rinvia per il resto dei chiarimenti al testo del Messaggio n. 4580/2015 e ai suoi allegati pubblicati unitamente al presente articolo.

(Fonte: INPS)

Commenti

commenti

Powered by Facebook Comments

Advertisement