Advertisement

Nuovo incentivo assunzione lavoratori agricoli:

L’INPS, con la Circolare n. 137 del 05 novembre 2014, ha informato gli interessati circa il nuovo incentivo per l’assunzione di giovani lavoratori agricoli di cui all’art. 5, D.L. n. 91/2014, convertito con modificazioni in L.n. 116/2014.

Si legge nella Circolare n. 137/2014 che a decorrere dal 1° luglio 2014 è in vigore un nuovo incentivo per le assunzioni dei lavoratori di età compresa tra i 18 (al momento dell’assunzione) e i 35 anni (cioè non abbiano ancora compiuto 35 anni), che si trovino in una delle seguenti condizioni:

  1. essere privi di impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi;
  2. essere privi di diploma di istruzione secondaria di secondo grado.

Le assunzioni delle categorie sopraindicate dovranno essere effettuate nel periodo compreso tra il 1° luglio 2014 e il 30 giugno 2015.

Advertisement

Inoltre, sono considerati per legge “privi di impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi” e quindi “svantaggiati” “coloro che, pur avendo prestato attività lavorativa nel semestre precedente l’assunzione, hanno lavorato per un numero di giornate inferiori a 100 nei 12 mesi antecedenti l’assunzione”.

L’incentivo in argomento – prosegue l’Istituto – spetta sia per le assunzioni a tempo determinato che per le assunzioni a tempo indeterminato, anche a tempo parziale. Per le assunzioni a tempo determinato il contratto deve presentare i seguenti requisiti:

  • avere una durata almeno triennale;
  • garantire al lavoratore un periodo di occupazione minima di 102 giornate annue;
  • essere redatto in forma scritta.

L’importo annuale dell’incentivo non potrà superare, per ciascun lavoratore, l’importo di:

  1. Euro 3.000,00 per i lavoratori OTD;
  2. Euro 5.000,000 per i lavoratori OTI.

In caso di rapporto a tempo parziale il beneficio è proporzionalmente ridotto.

Per il resto delle informazioni si rimanda all’allegata Circolare n. 137/2014 e alla relativa domanda di ammissione all’incentivo per l’assunzione di giovani lavoratori agricoli.

(Fonte: INPS)

Commenti

commenti

Powered by Facebook Comments

Advertisement