Advertisement

Apprendistato qualificante e diploma professionale

Il contratto di apprendistato qualificante è un contratto a contenuto formativo, mediante il quale i giovani che abbiano compiuto 15 anni di età possono completare la loro istruzione e formazione, per un periodo non superiore a tre anni, al fine di conseguire una qualifica professionale.

Secondo quanto previsto dall’art. 3 del D.L.vo n. 167/2011 possono essere assunti con contratto di apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale, “in tutti i settori di attivita’, anche per l’assolvimento dell’obbligo di istruzione, i soggetti che abbiano compiuto quindici anni e fino al compimento del venticinquesimo anno di eta’. La durata del contratto e’ determinata in considerazione della qualifica o del diploma da conseguire e non puo’ in ogni caso essere superiore, per la sua componente formativa, a tre anni ovvero quattro nel caso di diploma quadriennale regionale“. Per quanto concerne la regolamentazione dei profili formativi dell’apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale è previsto che siano le regioni ad occuparsene previo accordo con la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e sentite le associazioni dei datori e dei prestatori di lavoro comparativamente più rappresentative sul piano nazionale. Tale regolamentazione dovrà comunque rispettare i seguenti criteri e principi:

“a) definizione della qualifica o diploma professionale ai sensi del decreto legislativo 17 ottobre 2005, n. 226;

b) previsione di un monte ore di formazione, esterna od interna alla azienda, congruo al conseguimento della qualifica o del diploma professionale in funzione di quanto stabilito al comma 1 e secondo standard minimi formativi definiti ai sensi del decreto legislativo 17 ottobre 2005, n. 226;

Advertisement

c) rinvio ai contratti collettivi di lavoro stipulati a livello nazionale, territoriale o aziendale da associazioni dei datori e prestatori di lavoro comparativamente piu’ rappresentative per la determinazione, anche all’interno degli enti bilaterali, delle modalita’ di erogazione della formazione aziendale nel rispetto degli standard generali fissati dalle regioni”.

Commenti

commenti

Powered by Facebook Comments

Advertisement