Advertisement

Entra oggi in vigore il Decreto Sostegni (D.L. 22 marzo 2021, n. 41, con Allegato 1 e Allegato 2) che contiene “Misure urgenti in materia di sostegno alle imprese e agli operatori economici, di lavoro, salute e servizi territoriali, connesse all’emergenza COVID-19”.

Per quanto concerne la normativa che riguarda il mondo del lavoro illustriamo di seguito una sintesi delle novità:

BLOCCO DEL LICENZIAMENTI (ART. 8)

Sono state prorogate al 30 giugno 2021 le procedure di licenziamento collettivo e i licenziamenti per giustificato motivo oggettivo.

Advertisement

Sono invece state prorogate al 31 ottobre 2021 le procedure di licenziamento collettivo e i licenziamenti per giustificato motivo oggettivo per i datori di lavoro che utilizzano le nuove 28 settimane di assegno ordinario, cassa integrazione in deroga (CIGD) e per il settore agricolo (CISOA).

Il Decreto Sostegni prevede altresì deroghe al divieto in caso di

  • cessazione definitiva dell’impresa;
  • cessazione definitiva dell’attività di impresa conseguente alla messa in liquidazione della società;
  • accordo collettivo aziendale di incentivo all’esodo;
  • fallimento, quando non è previsto l’esercizio provvisorio.

CIGO – CASSA INTEGRAZIONE ORDINARIA SENZA CONTRIBUTI ADDIZIONALI (ART. 8)

È stata prorogata di altre 13 settimane da utilizzare dal 1° aprile al 30 giugno 2021. Dal 1° luglio azzeramento del contatore per la CIGO.

CIGD – CASSA INTEGRAZIONE IN DEROGA E ASSEGNO ORDINARIO, LEGATI ALL’EMERGENZA COVID (ART. 8)

Proroga di altre 28 settimane, tra il 1° aprile e il 31 dicembre 2021. La procedura è stata però semplificata: tutto transiterà attraverso “UniEmens-Cig”, mediante il quale si trasmetteranno all’INPS tutti i dati necessari al calcolo e alla liquidazione della prestazione.

CISOA – CASSA INTEGRAZIONE SALARIALE PER OPERAI AGRICOLI  (ART. 8)

Proroga di 120 giorni per il periodo compreso tra il 1° aprile e il 31 dicembre 2021.

LAVORATORI STAGIONALI DEL TURISMO, STABILIMENTI TERMALI E SPETTACOLO (ART. 10)

È riconosciuta un’ulteriore indennità una tantum di € 2.400 ai lavoratori, anche in somministrazione, stagionali del turismo, degli stabilimenti termali e dello spettacolo già indennizzati con il Decreto Ristori (artt. 15 e 15-bis DL 137/2020 conv. in L. 176/2020), che abbiano continuato a soffrire delle conseguenze economiche del perdurare della situazione emergenziale da covid-19.

È, inoltre, riconosciuta un’indennità omnicomprensiva pari a € 2.400 ai seguenti lavoratori dipendenti autonomi che, in conseguenza dell’emergenza COVID-19, hanno cessato, ridotto o sospeso la loro attività o il loro rapporto di lavoro, da erogarsi previa nuova domanda da presentare entro il 30 aprile 2021:

  • dipendenti stagionali, o in somministrazione del turismo e degli stabilimenti termali nel turismo o negli stabilimenti termali che abbiano svolto la prestazione lavorativa per almeno 30 giornate nel periodo tra il 1° gennaio 2019 e la data di entrata in vigore del Decreto Sostegni (23.3.2021);
  • dipendenti stagionali e in somministrazione in altri settori diversi da quelli di cui sopra che abbiano svolto la prestazione lavorativa per almeno 30 giornate nel periodo tra il 1° gennaio 2019 e la data di entrata in vigore del Decreto Sostegni (23.3.2021);
  • intermittenti che abbiano svolto la prestazione lavorativa per almeno 30 giornate nel periodo tra il 1° gennaio 2019 e la data di entrata in vigore del Decreto Sostegni (23.3.2021);
  • autonomi privi di partita IVA con contratti occasionali;
  • incaricati alle vendite a domicilio.

La stessa indennità è riconosciuta ai lavoratori dipendenti a tempo determinato del settore del turismo e degli stabilimenti termali in possesso di specifici requisiti.

È, infine, riconosciuta un’indennità pari a € 2.400 agli iscritti al Fondo pensione lavoratori spettacolo in possesso di specifici requisiti.

INDENNITÀ LAVORATORI SPORTIVI (ART. 10)

Il Decreto Sostegni riconosce una indennità di importo variabile tra i 1200 e i 3600 Euro.

CONTRATTI A TERMINE: PROROGHE E RINNOVI (ART. 17)

È prorogata la deroga in materia di causale dei contratti a termine: fermo restando la durata massima complessiva di 24 mesi, fino al 31 dicembre 2021 sarà possibile per le imprese rinnovare e prorogare per un periodo massimo di 12 mesi e per una sola volta i contratti a tempo determinato in deroga alle condizioni previste.

La novità ha efficacia a far data dall’entrata in vigore del Decreto Sostegni (23.3.2021) e nella sua applicazione non si tiene conto dei rinnovi e delle proroghe già intervenuti.

INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE NASPI (ART. 16)

Dall’entrata in vigore del Decreto Sostegni (23.3.2021) e fino al 31 dicembre 2021, è previsto che l’indennità di disoccupazione potrà essere concessa a prescindere dalla sussistenza, in capo al lavoratore, del requisito dei 30 giorni di effettivo impiego nei 12 mesi che precedono l’inizio del periodo di disoccupazione.

FILIERE AGRICOLE, PESCA E ACQUACULTURA – ESONERO CONTRIBUTIVO (ART. 19)

L’esonero contributivo, già previsto per il mese di dicembre 2020, è riconosciuto anche per il mese di gennaio 2021.

LAVORATORI IN CONDIZIONE DI FRAGILITÀ (ART. 15)

Tutte le tutele già previste sono prorogate fino al 30 giugno 2021

AUTONOMI E PROFESSIONISTI – FONDO ESONERO CONTRIBUTI PREVIDENZIALI (ART. 3)

Il Decreto Sostegni ha incrementato il Fondo per l’esonero dei contributi previdenziali dovuti dai lavoratori autonomi e dai professionisti che abbiano:

  • percepito nel periodo di imposta 2019 un reddito complessivo non superiore a € 50.000;
  • abbiano subìto un calo del fatturato o dei corrispettivi nell’anno 2020 non inferiore al 33% rispetto a quelli dell’anno 2019.

REDDITO DI CITTADINANZA CASI DI SOSPENSIONE (ART. 11)

Per l’anno 2021, qualora la stipula di uno o più contratti di lavoro subordinato a termine comporti un aumento del valore del reddito familiare fino al limite massimo di € 10.000 annui, il reddito di cittadinanza è sospeso per la durata dell’attività lavorativa che ha prodotto l’aumento del reddito familiare fino a un massimo di 6 mesi.

REDDITO D’EMERGENZA (ART. 12)

È stato rinnovato per altre 3 mensilità (marzo, aprile, maggio 2021) ed è stata ampliata la platea dei potenziali beneficiari.

REDDITO ULTIMA ISTANZA (ART. 13)

È stato incrementato il Fondo Reddito Ultima Istanza di 10 milioni di Euro ai fini del riconoscimento delle indennità relative al mese di maggio 2020.

Commenti

commenti

Powered by Facebook Comments

Advertisement