Advertisement

Prevenzione rischio biologico ambulatori Prime Cure:

L’INAIL ha pubblicato il secondo volume sulla Prevenzione rischio biologico ambulatori Prime Cure in data 16.11.2015.

Tale volume è stato illustrato nel seguente comunicato stampa dell’Istituto.

Fornire un ausilio metodologico non solo ai datori di lavoro e ai responsabili del servizio di prevenzione e protezione, ma anche a tutti coloro che operano nel campo della sicurezza sul lavoro negli ambulatori Prime Cure Inail o in contesti lavorativi analoghi. Questa la finalità che ha spinto gli esperti della Consulenza tecnica accertamento rischi e prevenzione dell’Istituto – in collaborazione con l’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente ligure (Arpal) e l’Università degli studi di Pavia – ad aggiornare il proprio studio sulla valutazione del rischio biologico.

Advertisement

L’analisi condotta anche attraverso un questionario. Il secondo volume contiene schede tecniche, tabelle e grafici per conoscere da vicino questo tipo di rischio e la possibile contaminazione microbiologica, con approfondimenti sullo stato dell’aria, il tipo di locale, le persone che lo frequentano e le attività di lavoro che vi si svolgono. Gli autori presentano, in particolare, i risultati dell’applicazione della metodologia integrata delineata nel primo volume del 2013, che è stata sperimentata in otto sedi Inail provviste di ambulatori Prime Cure e distribuite su tutto il territorio nazionale. I ricercatori della Contarp, oltre a raccogliere dati, informazioni e ad analizzare le procedure di lavoro, hanno somministrato al personale sanitario e amministrativo un questionario utile all’analisi della percezione dei rischi.

“È il secondo tra i pericoli più percepiti”. “L’analisi dei questionari sulla percezione dei rischi – precisa Daniela Sarto, curatrice della pubblicazione insieme a Raffaella Giovinazzo – ha evidenziato, nel complesso, un certo grado di soddisfazione del personale. L’esigenza più sentita è legata al miglioramento delle condizioni di pulizia e confortevolezza dell’ambiente e dei ritmi e carichi di lavoro. Bisogna però stare attenti, perché dopo il rischio elettrico, quello biologico compare al secondo posto tra i pericoli più percepiti nell’ambiente lavorativo, alla pari con lo stress lavoro-correlato, denotando un’elevata sensibilità nei confronti di questo tema sia da parte del personale sanitario che di quello amministrativo”.

 “Infermieri e medici chirurghi le categorie più coinvolte”. In media nel periodo 2001-2011 negli ambulatori Prime Cure Inail sono stati registrati 2-3 infortuni all’anno, la maggior parte dei quali ha interessato il personale dell’area medica e ha avuto luogo in itinere. “Il 12% del totale degli incidenti – precisa Sarto – è risultato invece a potenziale rischio biologico, con la dinamica ‘classica’ degli ambienti sanitari – schizzi di sangue, ferite da taglio con bisturi – a carico soprattutto di infermieri e medici chirurghi”.

 “Manca ancora uno standard comune di riferimento”. “Abbiamo voluto accompagnare il valutatore passo passo nell’applicazione della metodologia proposta e fornire un esempio di quelle che possono essere le ricadute positive – aggiunge Giovinazzo – Al momento le indicazioni disponibili sono riferibili principalmente a realtà ospedaliere e non c’è omogeneità nell’utilizzo delle linee guida, delle buone prassi, delle indicazioni operative reperibili in letteratura sull’argomento. La mancanza di uno standard genera, di conseguenza, notevoli difformità di valutazione e gestione del rischio biologico e non consente la comparabilità dei risultati ottenuti”.

(Fonte: INAIl)

Commenti

commenti

Powered by Facebook Comments

Advertisement