Advertisement

INAIL per disabilità e pet therapy:

Una interessante iniziativa di pet therapy parte dall’INAIL ed è rivolta agli assistiti con disabilità dell’Istituto che potranno prendersi cura di cani randagi opportunamente riaddomesticati e addestrati grazie alla collaborazione con il Comune di Benevento e l’associazione “Gli amici di Snoopy”.

L’iniziativa è stata resa nota dal comunicato stampa dell’INAIL pubblicato sul sito istituzionale.

Ecco il comunicato stampa.

Advertisement

“Mi sprona a uscire, a muovermi e a stare meglio con me stesso”. A raccontare la sua esperienza di convivenza con un ex cane di strada è uno degli assistiti INAIL che, nonostante la carrozzina, è riuscito a prendersi cura di un amico a quattro zampe. Grazie alla collaborazione con il Comune e con l’associazione no profit “Gli amici di Snoopy”, il servizio sociale della sede di Benevento dell’Istituto si occuperà di promuovere e seguire gli affidi temporanei e le adozioni di cani abbandonati o presenti nei vari canili municipali.

Il primo passo è il colloquio con l’assistente sociale. Il primo step previsto è un colloquio individuale tra la persona con disabilità e l’assistente sociale, che valuterà e segnalerà a “Gli amici di Snoopy” la richiesta di adozione. È invece compito dell’associazione no profit far vaccinare, sverminare, sterilizzare, curare e rieducare i cani, grazie anche al servizio veterinario della Asl. Tra le figure chiamate a collaborare è presente, inoltre, un veterinario comportamentale per l’impostazione della terapia, che può svolgersi anche a casa del nuovo padrone.

Un aiuto nel percorso di recupero dopo l’infortunio. Oltre a promuovere una maggiore attenzione per la tutela del benessere degli animali, l’iniziativa punta a valorizzare il ruolo del cane, che in alcuni casi può essere uno straordinario facilitatore nel percorso di reinserimento sociale degli infortunati. I randagi, opportunamente riaddomesticati e addestrati, potranno infatti essere utilizzati per la pet therapy da persone in particolare condizione di disagio.

“Il valore del progetto rafforzato dal ‘Dog Day’ del 10 luglio”. “La disponibilità dimostrata dall’assessorato alla protezione animali del Comune e dall’associazione ‘Gli amici di Snoopy’ – sottolinea Anna Villanova, responsabile di struttura dell’Inail di Benevento – ci ha dato la possibilità di avviare un percorso di sensibilizzazione presso i nostri assistiti per il ricollocamento di cani abbandonati, senza necessità di ulteriori accordi, essendo sufficiente, per le sole attività di intermediazione tra infortunato e volontari, il protocollo sottoscritto lo scorso febbraio tra l’amministrazione comunale e l’associazione. La nostra partecipazione al ‘Dog Day’ del 10 luglio ha poi rafforzato le intese e sottolineato il valore sociale del progetto”.

“Un antidoto a situazioni di disagio emotivo e affettivo”. “Sono diverse le persone interessate all’adozione – precisa a questo proposito Giuseppina Carrillo, funzionario socio educativo dell’Istituto – perché si sta diffondendo sempre di più l’idea che un cane sia in grado di stimolare la persona, favorirne la partecipazione attiva, migliorare situazioni di disagio emotivo e affettivo, e sviluppare nuove modalità comunicative. Ma c’è anche chi ha colto questa opportunità per far compiere un percorso di riabilitazione comportamentale a uno dei suoi cani, facendolo affiancare da un educatore cinofilo. La disabilità, infatti, rende più difficile l’addestramento e l’addomesticamento”.

(Fonte: INAIL)

Commenti

commenti

Powered by Facebook Comments

Advertisement