Advertisement

Polizza INAIL volontari terzo settore

L’INAIL, con comunicato del 30 marzo 2015, ha informato gli interessati circa la Polizza, l’istituzione del Fondo e l’attivazione del servizio on line per i volontari del terzo settore.

In particolare l’INAIL ha informato che i volontari che svolgono, in modo spontaneo e gratuito, la loro attività a fini di utilità sociale nell’ambito di progetti promossi da organizzazioni appartenenti al cosiddetto “terzo settore”, in favore di Comuni o enti locali, sono garantiti dalla copertura assicurativa INAIL contro le malattie e gli infortuni sul lavoro se sono percettori di misure di integrazione e sostegno del reddito.

Per tale categoria il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha messo a disposizione un Fondo ex art. 12 D.L. n. 90 del 2014, finalizzato a reintegrare l’INAIL dell’onere conseguente alla copertura degli obblighi assicurativi.

Advertisement

Sulla home page del portale dell’Istituto è stato quindi inserito il contatore che segnala l’importo residuo del Fondo messo a disposizione, consentendone l’aggiornamento costante. La copertura assicurativa è garantita nei limiti della disponibilità finanziaria. È stato pertanto istituito il Servizio online per la polizza volontari nell’ambito delle applicazioni “Denuncia di Iscrizione” e “Denuncia di Variazione”, disponibili nel menu “Denunce”.

In particolare, con la Circolare n. 45 del 27 marzo 2015 l’INAIL ha fornito tutte le istruzioni relative ai Destinatari della copertura assicurativa, all’Attività oggetto di copertura assicurativa, alle Modalità di attivazione della copertura assicurativa, gli Adempimenti a cura delle sedi dell’INAIL, il Fondo per la copertura degli oneri assicurativi, la Verifica dei requisiti assicurativi, gli Obblighi del soggetto promotore titolare del progetto, le Prestazioni dovute in caso di infortunio sul lavoro o di malattia professionale; ecc.

Come noto l’art. 12 del D.L. n. 90/2014 cit. convertito, con modificazioni, dalla L.n. 114/2014, ha previsto, in via sperimentale, il coinvolgimento dei soggetti beneficiari di ammortizzatori sociali e di altre forme di integrazione e sostegno del reddito in attività di volontariato a fini di utilità sociale, in favore di Comuni o enti locali.

Si legge nella Circolare n. 45/2015 che l’attività di volontariato prestata da tali soggetti in modo personale, spontaneo e gratuito, ai fini dell’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali è coperta dall’INAIL, in deroga a quanto previsto dalla legge quadro sul volontariato e i relativi premi sono posti a carico di un apposito Fondo istituito presso il Ministero del Lavoro in via sperimentale per gli anni 2014 e 2015.

L’assicurazione INAIL in particolare copre i rischi legati agli infortuni e alle malattie professionali dei volontari beneficiari di ammortizzatori sociali e di altre forme di integrazione e sostegno del reddito che prestano la loro attività nell’ambito delle iniziative progettuali ai fini di utilità sociale individuate dai soggetti promotori in favore di Comuni e di enti locali.

Inoltre, con Determina del Presidente n. 351 del 2014, è stata stabilita nella misura pari a 258,00 euro su base annua, il premio speciale unitario per l’assicurazione contro gli infortuni e le malattie professionali dei soggetti beneficiari di ammortizzatori e di altre forme di integrazione e sostegno del reddito previste dalla normativa vigente, coinvolti in attività di volontariato a fini di utilità sociale in favore di Comuni o enti locali. Il premio è aggiornato automaticamente e proporzionalmente in relazione ad eventuali variazioni apportate annualmente alla retribuzione giornaliera in vigore per tutte le contribuzioni dovute in materia di previdenza e assistenza sociale.

Per tutte le istruzioni circa i Servizi on line relativi alla copertura assicurativa per i soggetti beneficiari di misure di integrazione e sostegno al reddito leggere consultare anche il Manuale utente allegato al presente articolo.

(Fonte: INAIL)

Commenti

commenti

Powered by Facebook Comments