Advertisement

Fondi di solidarietà iter in stand by: 

Dal 1° gennaio 2017, come è noto, la cassa integrazione in deroga lascerà il posto ai Fondi di solidarietà bilaterale di cui alla legge Fornero (Legge 28 giugno 2012 n. 92). È quanto stabilito dal Decreto interministeriale il quale stabilisce nello specifico che “a decorrere dal 1° gennaio 2017 il trattamento di mobilità in deroga alla vigente normativa non può essere concesso”.

I Fondi di solidarietà hanno la finalità di assicurare ai lavoratori (delle piccole e medie imprese) una tutela economica, in costanza di rapporto di lavoro, in caso di riduzione o sospensione dell’attività lavorativa per le cause previste dalla normativa in materia di Cassa integrazione guadagni (ordinaria e straordinaria).

Per la loro concessione le aziende dovranno attenersi rigorosamente alle disposizioni in materia, posto che il decreto interministeriale di regolamentazione stabilisce criteri molto più restrittivi, rispetto a prima, per usufruire di questi ammortizzatori sociali (Fondi). La domanda andrà presentata in via telematica dall’impresa richiedente all’INPS e alla Regione entro il termine di giorni 20 dal momento in cui ha avuto inizio la sospensione o la riduzione dell’orario di lavoro. Purtroppo però la piattaforma telematica dell’INPS allo stato sembrerebbe non operativa e pertanto chi deve effettuare la richiesta dovrà presentarla direttamente alla Regione di appartenenza, rigorosamente nell’osservanza del termine di cui sopra, perché – in caso di ritardo nella presentazione della domanda – l’indennità verrà ridotta visto che il trattamento di cassa in deroga verrà posticipato e avrà inizio solamente dalla settimana precedente alla data di presentazione della istanza.

Advertisement

Con la nuova normativa le indennità – a partire dal 2015 – non potranno essere superiori alle 5 mesi nell’arco di un anno e il trattamento verrà concesso ai lavoratori subordinati con le seguenti qualifiche: operai, impiegati, quadri, apprendisti, lavoratori somministrati e, tutti, con una anzianità lavorativa presso l’azienda richiedente il beneficio di almeno 12 mesi alla data di inizio del periodo di intervento.

 

Commenti

commenti

Powered by Facebook Comments

Advertisement