Advertisement

Aggiornamento retribuzione lavoratori domestici:

L’aggiornamento annuale legato al costo della vita ha fatto aumentare in maniera sensibile le retribuzioni minime di colf, badanti e babysitter. I nuovi valori decisi presso il Ministero del Lavoro da una Commissione composta dai sindacati e associazioni dei datori di lavoro sono decorsi dal 1° gennaio scorso.

Gli importi secondo la classificazione prevista dal contratto collettivo nazionale del lavoro domestico variano naturalmente in base al livello del dipendente. La classificazione parte dai collaboratori domestici alle prime armi (liv. A) per arrivare ai lavoratori che, dopo una adeguata formazione professionale, assistono persone non autosufficienti (liv. DS). L’altra distinzione invece è data tra i collaboratori conviventi (anche a part-time), i non conviventi e i lavoratori che assicurano assistenza o presenza notturna.

Sul punto si precisa che l’ISTAT ha comunicato che la variazione percentuale verificatasi nell’indice dei prezzi al consumo, per le famiglie degli operai e degli impiegati, reltaivamente al periodo gennaio 2010 – dicembre 2010 ed il periodo gennaio 2011 – dicembre 2011 è risultata del 2,7%.

Vengono pertanto di seguito indicate le nuove fasce di retribuzione sulle quali calcolare i contributi per l’anno 2012 relativamente ai lavoratori domestici. L’aliquota contributiva a carico dei datori di lavoro domestico non ha subito variazioni rispetto al 2011.

Advertisement

Gli aumenti, come riportato dalla circolare INPS n. 17/2012 sono:

LAVORATORI ITALIANI E STRANIERI

RETRIBUZIONE ORARIA IMPORTO CONTRIBUTO ORARIO

Effettiva Convenzionale Con quota CUAF Senza quota CUAF*

Fino a € 7,54

6,68

1,40 (0,34) (**)

1,41 (0,34) (**)

oltre € 7,54 fino a € 9,19

7,54

1,58 (0,38) (**)

1,59 (0,38) (**)

oltre € 9,19

9,19

1,93 (0,46) (**)

1,94 (0,46) (**)

Orario di lavoro superiore a 24 ore settimanali

4,85

1,02 (0,24) (**)

€  1,02 (0,24) (**)

(*) Il contributo CUAF (Cassa Unica Assegni Familiari) non è dovuto solo nel caso di rapporto fra coniugi (ammesso soltanto se il datore di lavoro coniuge è titolare di indennità di accompagnamento) e tra parenti o affini entro il terzo grado conviventi, ove riconosciuto ai sensi di legge (art. 1 del DPR 31 dicembre 1971, n. 1403).

(**) La cifra tra parentesi è la quota a carico del lavoratore.

Per quanto concerne poi la decorrenza dell’aumento delle contribuzioni INPS, questa è fissata al 10 aprile 2012, relativamente alla prima scadenza contributiva del primo trimestre.

Vengono di seguito indicate le Tabelle dei minimi retributivi aggiornati di cui al Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro Domestico 2007 – 2012.

TABELLE DEI MINIMI RETRIBUTIVI

TABELLA A LAVORATORI CONVIVENTI (valori mensili)

A 550,00

AS 650,00

B 700,00

BS 750,00

C 800,00

CS 850,00

D 1.000,00 + indennità 150,00

DS 1.050,00 + indennità 150,00

TABELLA B – LAVORATORI DI CUI ART. 15 – 2°CO.(valori mensili)

B 500,00

BS 525,00

C 580,00

TABELLA C – LAVORATORI NON CONVIVENTI (valori orari)

A 4,00

AS 4,70

B 5,00

BS 5,30

C 5,60

CS 5,90

D 6,80

DS 7,10

TABELLA D – ASSISTENZA NOTTURNA (valori mensili)

AUTOSUFF. NON AUTOSUFF.

BS 862,50

CS 977,50

DS 1.207,50

TABELLA E PRESENZA NOTTURNA (valori mensili)

LIV. UNICO 577,50

TABELLA F INDENNITA’ (valori giornalieri)

pranzo e/o colazione 1,637

cena 1,637

alloggio 1,416

totale 4,69

Commenti

commenti

Powered by Facebook Comments

Advertisement